PROSSIMA UNA RIFORMA DI EUROPOL

A cura della Direzione

 

The ongoing recast of the Europol Regulation aims tomake this Agency a more effective actor of the EU internal security, by modernising its legal framework and by strengthening its operational capabilities in support to the national law enforcement authorities.

The ‘new’ Europol will be able to fulfil its mandate more effectively in the face of increasingly complex security threats. Furthermore, Europol will be ableto respond more easily to the needs of national investigators in a digitalised environment and in the handling of new technological developments, since it is essential to offset the criminals’ ability to benefit from such developments with new appropriate investigative tools.

With this purpose in mind, the European Commission issued a legislative proposal for the recast of the Europol Regulation in December last year. In particular, the proposal seeks to strengthen Europol’s mandate by revising the current Regulation in the following key areas:

  1. Enabling Europol to cooperate effectively with private parties, including by allowing it to process data received directly from private parties, to exchange personal data with the latter to establish jurisdiction, as well as to serve as a channel to transmit Member States’ requests containing personal data to private parties;
  2. Enabling Europol to analyse large and complex datasets to detect cross-border links, in full compliance with fundamental rights, there by addressing the challenges posed by “big data” to law enforcement authorities;
  3. Strengthening Europol’s role in research and innovation to respond to the gaps identified at national level and to strengthen law enforcement capabilities;
  4. Facilitating Europol’s cooperation with third countries;
  5. Enhancing Europol’s capacity to request the initiation of criminal investigations;
  6. Establishing effective cooperationwith the European Public Prosecutor’s Office;
  7. Streamlining Europol’s legal framework on data protection; and
  8. Strengtheningthe parliamentary oversight and accountability of Europol.

In light of the proposed strengthening of Europol’s operational capabilities, the Commission has proposed a significant, progressive increase in the Agency financial and human resources starting from 2022 until 2027. While such increaseis likely to be reflected in the upcoming Commission proposal for the EU Budget 2022, the actual allocation of the resources planned for Europol will be conditional upon the adoption and entry into force of the new Regulation.

The Note (nr. 71) issued by the Italian Senate on the reform of Europol’s mandate provides an in-depth analysis of the recast proposal. This Noteisavailableon ForoEuropahere: XXXXXX.

Of course, the strengthening of Europol’s mandate will strictly remain within the limits set out in the EU Treaties, namely Article 88(3) of the Treaty on the Functioning of the European Union: “Any operational action by Europol must be carried out in liaison and in agreement with theauthorities of the Member State or States whose territory is concerned. The application of coercive measures shall be the exclusive responsibility of the competent national authorities”.

In other words, the ‘new’ Europol is not meant to become the ‘European FBI’and the main goal of the reform is to reinforce Europol’s role as the EU criminal information hub at the service of the Member States’ competent authorities.

While strengthening Europol’s operational capabilities, the recast proposal provides for the appropriate safeguards to ensure full compliance with personal data protection and respect of human rights. This aspect is of crucial importance, as the Agency has been operating, since its inception, in accordance with the highest data protection standards and has become, as such, a model law enforcement organisation.

The European Data Protection Supervisor (EDPS), who is the authority monitoring and ensuring the full application of the provisions of the Europol Regulation pertaining the protection of fundamental rights and freedoms of natural persons with regard to the processing of personal data by Europol, has issued his opinion on the recast proposal in March 2021 (link).

Overall, such opinion is supportive,as the EDPSacknowledges the need for the law enforcement authorities to benefit from the best possible legal and technical tools to accomplish their tasks, which are to detect, investigate and prevent crimes and other threats to public security. The EDPS highlights that possible interferences with the right to data protection may be justified provided that they remain limited to what is necessary and proportionate in a democratic society, in line with Article 52(1) of the EU Charter of Fundamental Rights. The EDPS also acknowledges the fact thatcriminal investigations increasingly include the collection and processing of large and complex datasets by law enforcement authorities, and takes positive note of the safeguards foreseen in the legislative proposal to accompany the proposed derogations in such cases. However, the Supervisor is concerned that the exceptions from the current data protection rules, applicable to Europol, could become in reality the rule. Therefore, he recommends that the Europol Regulation should better define the situations and the conditions, in which Europol may resort to the proposed derogations.

The discussions on the recast proposal are ongoing at both Council and European Parliament’s level. To speed up the legislative process, the EU Presidency, currently held by Portugal, has doubled the number of the Council expert meetings dedicated to the Europol Regulation recast, organising the discussions around specific thematic blocks, amongst which, of course, the aspects pertaining to data protection.

The discussion are progressing well and will continue during the next semester, under the Slovenian EU Presidency. Without pre-empting the actual outcome of the negotiations between the Council and the European Parliament, it is provisionally expected that the recast proposal could be adopted by the end of the first semester 2022.

______________________________________________

L’attuale riforma del regolamento di Europol mira a rendere questa agenzia un attore più efficace della sicurezza interna dell'UE, modernizzando il suo quadro giuridico e rafforzando le sue capacità operative a sostegno delle autorità nazionali di contrasto.

Il "nuovo" Europol sarà in grado di adempiere al suo mandato in modo più efficace di fronte a minacce alla sicurezza sempre più complesse. Inoltre, Europol sarà in grado di rispondere più facilmente alle esigenze degli investigatori nazionali in un ambiente digitalizzato e nella gestione dei nuovi sviluppi tecnologici, poiché è essenziale controbilanciare la capacità dei criminali di beneficiare di tali sviluppi con nuovi strumenti investigativi adeguati.

Con questo scopo in mente, la Commissione europea ha presentato una proposta legislativa per la riforma del regolamento di Europol nel dicembre dello scorso anno. In particolare, la proposta mira a rafforzare il mandato di Europol rivedendo l'attuale regolamento nei seguenti settori chiave:

  1. Consentire a Europol di cooperare efficacemente con le parti private, anche consentendo all’Agenzia di trattare dati ricevuti direttamente da soggetti privati, di scambiare dati personali con questi ultimi per stabilire la giurisdizione, nonché di fungere da canale per trasmettere le richieste dei Paesi membri a soggetti privati onde acquisire dati personali.
  2. Consentire a Europol di analizzare set di dati ampi e complessi per rilevare collegamenti transfrontalieri, nel pieno rispetto dei diritti fondamentali, affrontando così le sfide poste dai "big data" alle autorità di contrasto
  3. Rafforzare il ruolo di Europol nella ricerca e nell'innovazione per rispondere alle lacune individuate a livello nazionale e per rafforzare le capacità di contrasto.
  4. Facilitare la cooperazione di Europol con i paesi terzi;
  5. Rafforzare la capacità di Europol di richiedere l'avvio di indagini penali;
  6. Stabilire una cooperazione efficace con la Procura europea;
  7. Razionalizzare il quadro giuridico di Europol sulla protezione dei dati; e
  8. Rafforzare il controllo parlamentare sulle attività Europol.

Alla luce del proposto rafforzamento delle capacità operative di Europol, la Commissione ha proposto un aumento significativo e progressivo delle risorse finanziarie e umane dell'Agenzia a partire dal 2022 fino al 2027. Sebbene tale aumento si rifletterà probabilmente nella prossima proposta della Commissione per il bilancio dell'UE 2022, l'effettiva assegnazione delle risorse previste per Europol sarà subordinata all'adozione e all'entrata in vigore del nuovo Regolamento.

La Nota (n. 71) del Senato italiano sulla riforma del mandato di Europol fornisce un'analisi approfondita della proposta di riforma. Questa nota è disponibile su ForoEuropa qui: XXXXXX.

Ovviamente, il rafforzamento del mandato di Europol rimarrà rigorosamente entro i limiti stabiliti nei trattati dell'UE, in particolare l'articolo 88, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea: "Qualsiasi azione operativa di Europol deve essere svolta in collegamento e d'intesa con le autorità dello Stato membro o degli Stati membri il cui territorio è interessato. L'applicazione di misure coercitive è di esclusiva responsabilità delle autorità nazionali competenti”.

In altre parole, il "nuovo" Europol non è destinato a diventare l’"FBI europeo" e l'obiettivo principale della riforma è di rafforzare il ruolo di Europol come centro di informazione operativa dell'UE al servizio delle autorità competenti degli Stati membri.

Pur rafforzando le capacità operative di Europol, la proposta di riforma prevede le garanzie adeguate per garantire il pieno rispetto della protezione dei dati personali e il rispetto dei diritti umani. Questo aspetto è di fondamentale importanza, poiché l'Agenzia ha operato, sin dal suo inizio, in conformità con i più elevati standard di protezione dei dati ed è diventata, in quanto tale, un'organizzazione modello.

Il Garante europeo della protezione dei dati (GEPD), che è l'autorità che controlla e garantisce la piena applicazione delle disposizioni del regolamento di Europol relative alla protezione dei diritti e delle libertà fondamentali delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte di Europol, ha emesso, nel marzo di quest’anno, il suo parere sulla proposta di riforma (link).

Nel complesso, tale parere è positivo, poiché il GEPD riconosce la necessità che le autorità di contrasto possano beneficiare dei migliori strumenti giuridici e tecnici possibili per svolgere i loro compiti, che sono l'individuazione, l'indagine e la prevenzione di crimini e altre minacce alla sicurezza pubblica. Il GEPD sottolinea che eventuali interferenze con il diritto alla protezione dei dati possono essere giustificate a condizione che rimangano limitate a quanto necessario e proporzionato in una società democratica, in linea con l'articolo 52, paragrafo 1, della Carta dei diritti fondamentali dell'UE. Il GEPD riconosce inoltre il fatto che le indagini penali comprendono sempre più la raccolta e il trattamento di serie di dati ampie e complesse da parte delle autorità di contrasto e prende nota positivamente delle garanzie previste nella proposta legislativa per accompagnare le deroghe proposte in tali casi. Tuttavia, il Garante teme che le eccezioni alle attuali norme sulla protezione dei dati, applicabili a Europol, possano diventare in realtà la regola. Pertanto, raccomanda che il regolamento di Europol definisca meglio le situazioni e le condizioni in cui Europol può ricorrere alle proposte deroghe.

Le discussioni sulla proposta di riforma sono in corso sia al Consiglio che al Parlamento europeo. Per accelerare il processo legislativo, la Presidenza dell'UE, attualmente detenuta dal Portogallo, ha raddoppiato il numero delle riunioni di esperti del Consiglio dedicate alla riforma del Regolamento di Europol, organizzando le discussioni attorno a blocchi tematici specifici, tra cui, ovviamente, gli aspetti relativi alla protezione dei dati personali.

La discussione procede bene e proseguirà nel prossimo semestre, sotto la Presidenza slovena dell'UE. Senza anticipare l'effettivo esito dei negoziati tra il Consiglio e il Parlamento europeo, si prevede in via provvisoria che la proposta di riforma possa essere adottata entro la fine del primo semestre del 2022.

 

Visualizza qui il documento "La Proposta di Riforma del Mandato di Europol".