“LE TECNOLOGIE APPROPRIATE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE: UN’OCCASIONE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E UMANA”: ARTICOLO DEL PROFESSORE CARLO COLLIVIGNARELLI, PUBBLICATO NEL N.2/2018 DELLA RIVISTA “INGEGNERIA DELL’AMBIENTE” (https://www.ingegneriadellambiente.net/vol5_n2/Collivignarelli-IdA-2-2018.pdf).

 

Recensione di Foroeuropa

 

L’Autore dell’articolo, particolarmente esperto in ingegneria sanitaria ambientale, nel corso della sua attività di docente della materia presso l’Università di Brescia ha organizzato un “Centro di documentazione e ricerca sulle tecnologie appropriate per la gestione dell’ambiente nei Paesi in via di sviluppo”. L’iniziativa ha coinvolto gli studenti in progetti intesi ad affrontare correttamente, e direttamente nei Paesi interessati, le problematiche ambientali ma,nello stesso tempo, li ha resi partecipi di un validissimo percorso formativo, tecnico e umano. L’esperimento, che ha avuto un grande successo, viene descritto nell’articolo sotto l’uno e l’altro profilo, offrendo al lettore un’insolita quanto utile testimonianza dei livelli di professionalità e di civiltà, che le attività di cooperazione tra i popoli possono raggiungere. Nel complimentarsi col Prof. Collivignarelli, Foroeuropa esprime la speranza che un così importante messaggio, di certo condiviso da chi ha cuore le sorti dell’ambiente e delle tecnologie dello sviluppo sostenibile nonché un’illuminata formazione dei giovani, si contrapponga utilmente, nella sensibilità della società civile, ai modelli di ottusa chiusura nazionalistica, oggi rinascenti e presentati come un sicuro toccasana per il benessere dei popoli che si rinserrano nei propri confini: è vero esattamente il contrario, e l’articolo ce lo dimostra ampiamente.