Programma legislativo dell’Unione Europea 2018 – 2019

A cura di Laura De Rose, Vice Direttore di Foroeuropa

 

Il 12 dicembre scorso, il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato le priorità legislative dell’Unione Europea per i prossimi due anni (2018 – 2019), in accordo con il Parlamento Europeo e la Commissione Europea. In una dichiarazione congiunta, i Presidenti delle tre istituzioni s’impegnano a realizzare tali priorità, o almeno a ottenere il massimo dei risultati, prima delle prossime elezioni europee del giugno 2019.

Restano quindi circa diciotto mesi per fare avanzare il programma legislativo dell’Unione Europea, il quale riguarda aree d’interesse primario, quali:

  1. Proteggere la sicurezza dei cittadini dell’Unione Europea;
  2. Sviluppare una nuova politica sulle migrazioni;
  3. Incoraggiare la creazione di nuovi posti di lavoro, la crescita economica e gli investimenti;
  4. Migliorare le politiche sociali;
  5. Realizzare il Mercato Unico Digitale;
  6. Raggiungere l’obiettivo di una nuova politica ambientale e realizzare un’Unione per l’Energia;
  7. Rafforzare la legittimità democratica dell’Unione Europea.

Iniziative sono anche previste in altre aree, ugualmente importanti, quali: la politica commerciale, la lotta contro la frode fiscale, diritti individuali e cibernetica, protezione dei dati personali.

Maggiori dettagli sui contenuti del programma legislativo dell’Unione possono trovarsi sul sito dell’Unione Europea, cliccando su http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2017/12/12/council-approves-the-eus-legislative-priorities-for-2018-2019/ (per ora, solo in lingua Inglese).

 

La Direzione della Rivista informa i lettori che Foro Europa continuerà a seguire le attività dell’Unione Europea nei loro aspetti giuridico-istituzionali, tenendo presente anche il programma legislativo di cui sopra.